Un nuovo approccio per il trattamento della gengivite desquamativa

Le condizioni parodontali variano nel loro livello di dolore e gravità, ma la gengivite desquamativa (DG) è una di quelle delicate condizioni gengivali che possono essere estremamente dolorose per i malati. DG è un termine usato per descrivere una serie di malattie autoimmuni orali vescicolobullose. Le malattie individuali più comuni che compongono questo gruppo sono lichen planus, pemfigo pemfigoide e pemfigo vulgaris. Questo gruppo di malattie si presenta in modo molto simile all’eritema e alla desquamazione della gengiva cheratinizzata, lasciando un aspetto “crudo” ai tessuti sovrastanti. Il dolore è solitamente significativo e può limitare la capacità del paziente di mangiare ed eseguire cure igieniche orali di base, come la spazzolatura.

I casi DG possono colpire chiunque, ma un paziente tipico è di sesso femminile nella quarta e sesta decade di vita. Poiché questa è una malattia autoimmune, non esiste una cura. Il test definitivo viene eseguito mediante immunofluorescenza, che fornisce una diagnosi distinta. Il pemfigoide cicatriziale è probabilmente una delle malattie più importanti da identificare in quanto può causare cecità se migra e quindi colpisce gli occhi. Un esame da parte di un oftalmologo è necessario se si sospetta il pemfigoide cicatriziale, ma generalmente è una buona idea per chiunque mostri i sintomi di questa malattia.
PER SAPERNE DI PIÙ / Infiammazione della gengiva: Le altre ragioni oltre all’ovvio

La gestione dei sintomi della DG comporta diverse modalità. La varietà di segni e sintomi presentati sono molto simili, quindi la maggior parte dei pazienti viene trattata in modo simile. Numerose terapie sono disponibili per assistere i pazienti che si occupano delle complicanze della DG, tra cui chirurgia, innesto gengivale, terapia laser e farmaci sistemici e topici. La maggior parte dei pazienti usa una sorta di steroide e anestetico topico per alleviare i loro sintomi. Lidex (fluocinonide) è lo steroide topico più comune e la lidocaina è l’anestetico topico più comune.

Un sistema di erogazione del vassoio personalizzato è stato utilizzato per molti anni per aiutare nelle terapie dalle applicazioni di sbiancamento all’erogazione di fluoro e medicamenti. Recentemente, con l’avvento del sistema di vassoio Perio sigillato con prescrizione medica (Perio Protect LLC, St. Louis, Missouri), il controllo con cui viene consegnato il medicinale è notevolmente migliorato.

Nel nostro ufficio, il vassoio di prescrizione Perio è fabbricato su misura per la base paziente. I pazienti usano Perio Gel (QNT Anderson LLC, Bismarck, North Dakota) con perossido di idrogeno all ‘ 1,7% per iniziare il processo di pulizia. Poiché i vassoi sono molto efficaci nell’isolare le aree interessate e nel fornire farmaci direttamente alla gengiva, il sollievo è molto rapido. Molti pazienti hanno dolore intenso con DG, quindi spesso consigliamo di utilizzare un gel di lidocaina viscoso nei vassoi sigillati per alcuni minuti prima dell’applicazione del gel Perio. Ciò consente un sollievo immediato per rendere più tollerabile il posizionamento dei vassoi personalizzati e del gel Perio.

Una volta che i batteri sono sotto controllo e la salute dei tessuti migliora, aggiungiamo un gel steroide topico al vassoio. Lo steroide più comune, Lidex, è prontamente disponibile da qualsiasi farmacia locale. Lo steroide topico aiuta a controllare la gravità della DG, limitando così il dolore e la natura distruttiva di questa sindrome autoimmune.

I tessuti parodontali sono fortemente influenzati nei pazienti con DG, non solo a causa dei problemi autoimmuni che causano la desquamazione dei tessuti, ma anche a causa della conseguente incapacità dei pazienti di prendersi adeguatamente cura della propria bocca. Placca e detriti si accumulano quindi, causando una reazione infiammatoria dell’apparato parodontale e quindi aggrava il problema. La situazione è difficile da controllare quando una reazione tipica gengivite / parodontite è accoppiata con una risposta autoimmune. Idealmente, la situazione parodontale migliorerà riducendo la carica batterica e ripristinando un buon regime di igiene orale, limitando così la risposta infiammatoria. Una volta che la situazione parodontale è sotto controllo, è possibile affrontare la componente autoimmune. A volte, il problema più immediato deve essere affrontato prima di affrontare il quadro generale.

L’utilizzo del sistema Perio Tray ha notevolmente migliorato il modo in cui gestiamo entrambi i componenti di questo ciclo con i nostri pazienti. Cambiare i farmaci in vari momenti durante il processo aiuta anche a gestire gli elementi di DG. Avere questo tipo di sistema di consegna ci consente di personalizzare il regime di un singolo paziente e quindi di consentirgli di monitorare la situazione e regolare i farmaci secondo necessità. Ricordate, non ci sono cure per DG-solo una gestione efficace.

Tipicamente, un’applicazione di 10 minuti di gel di lidocaina dà ai pazienti abbastanza sollievo in modo che possano iniziare la loro assistenza domiciliare. Idealmente il sistema vassoio Perio può quindi essere utilizzato per 15 minuti (alcuni pazienti possono essere in grado di tollerare solo cinque minuti), e quindi il paziente può riprendere la normale spazzolatura e la pulizia interdentale. Una volta che la routine è completata, un’applicazione dello steroide topico può essere utilizzata per aiutare a controllare DG. Il nostro regime raccomandato è in genere 30 minuti del vassoio sigillato con gel Lidex. I pazienti sono incoraggiati a eseguire questo intero regime almeno tre volte al giorno. Alcuni individui hanno scoperto che 30 minuti di gel Lidex sei volte al giorno sono necessari all’inizio del trattamento per dare loro un controllo migliore.

Nessun caso DG è lo stesso e nessun caso DG può essere trattato allo stesso modo. La bellezza del sistema Perio Tray è che i pazienti possono imparare ciò che funziona meglio per loro, in ultima analisi, dando loro il controllo per il loro miglior risultato.

Robinhendersondmd Robin D. Henderson, DMD, MS, ha conseguito la laurea in odontoiatria e parodontologia presso l’Università di Louisville nel 2000. Subito dopo la laurea, si è trasferito a Oklahoma City, Oklahoma, dove ha aperto il suo studio privato, l’Oklahoma Center for Implants & Periodontics. Egli è un diplomate del Consiglio americano di Parodontologia e attualmente un assistente clinico professore nel Dipartimento di Parodontologia presso l’Università di Oklahoma College of Dentistry.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.