The Newby Family Fights for Freedom

Per più di due decenni sono stato affascinato dal raid di John Brown del 1859 su Harpers Ferry. C’è così tanto intrigo al story…it sembra quasi una sceneggiatura hollywoodiana. Più che i libri voluminosi, gli artefatti e i siti associati al raid, ho sempre trovato le fotografie di Brown e dei suoi predoni le più inquietanti – ci fissano ora quasi 160 anni rimossi dalle scene di quei giorni di ottobre epocali. Di quelle foto, forse la più commovente, almeno per questo autore, è Dangerfield Newby.

Dangerfield Newby nacque schiavo nella contea di Fauquier, Virginia intorno al 1815, figlio di un padre bianco e di una madre nera che apparteneva a un proprietario vicino. Alla fine del 1850 i suoi genitori si trasferirono Dangerfield ei suoi fratelli a Bridgeport, nella contea di Belmont, Ohio. Mentre Dangerfield si rendeva conto della sua libertà, fu costretto a lasciare sua moglie Harriet e i loro sette figli in schiavitù. Dopo che il proprietario di Harriet ha aumentato il prezzo concordato per acquistare la sua libertà, Harriet ha scritto a Dangerfield esortandolo a salvarla, denaro in mano o meno. Newby si unì all’esercito provvisorio di John Brown alla Fattoria Kennedy vicino a Harpers Ferry nell’agosto del 1859, intenzionata a garantire la sua libertà con ogni mezzo necessario.

Dangerfield Newby

Newby detiene la distinzione di essere il primo dei raiders di Brown a cadere nel raid fallito. Mentre si ritirava verso la casa motore è stato abbattuto da un piccolo picco di ferro che era stato sparato dal piano superiore di un edificio vicino. Un testimone ricorderà che la “gola di Newby fu tagliata letteralmente da un orecchio all’altro”, ricordando la ferita come più orribile di quanto avesse visto su qualsiasi campo di battaglia.

Anche il corpo di Newby subì l’umiliazione delle mutilazioni da parte di cittadini vendicativi e di animali mentre giaceva per strada per più di un giorno. Dal suo cadavere sono stati recuperati una serie di lettere da Harriet, implorando Dangerfield per garantire la sua libertà per paura di essere venduto più a sud. Il suo sogno di riunirsi con Dangerfield non si sarebbe mai realizzato se le sue lettere pubblicate sarebbero servite a radunare altri alla causa della libertà, tra cui la famiglia di Dangerfield. In tutti e quattro i fratelli di Dangerfield e un nipote tutti hanno contribuito allo sforzo bellico dell’Unione.

Il più vicino all’età di Dangerfield era suo fratello Gabriel, che aveva 29 anni quando suo fratello si unì alla band di Brown. Dangerfield scrisse a Gabriel dalla fattoria Kennedy, esortando lui e suo fratello minore James a unirsi a lui lì. Lo storico Steven Lubet ipotizza che nell’iniziare il suo raid più di una settimana prima del previsto, Brown potrebbe aver perso i servizi di diverse potenziali reclute. Forse tra loro c’erano Gabriel e James Newby. Quando si è saputo del coinvolgimento di Dangerfield nel fallito raid, Gabriel è stato quasi picchiato a morte da tre uomini per le strade di Bridgeport, Ohio. I tre sono stati arrestati, accusati di aggressione aggravata e condannati a lavorare sotto una palla e catena a settantacinque centesimi al giorno, mentre si lavora fuori multe che vanno da $17.00 a $30.00. Il giornale locale ha osservato “È vero, supponiamo, che Gabriel Newby…is un fratello per lui che è stato ucciso a Harper’s Ferry. Ma noi non crediamo che il fatto dovrebbe operare in alcun modo come una licenza per ruffiani ubriachi a battere il cervello.”

Gabriel sarebbe diventato servitore del campo per l’editore di quel giornale, Christian L. Poorman, sulla sua commissione come colonnello del 98th Ohio Volunteer Infantry. Newby sarebbe sopravvissuto alla guerra e diventare una sorta di celebrità locale prima di morire nel maggio 1900.

James H. Newby, un altro dei fratelli di Dangerfield, si arruolò a Wheeling, Virginia Occidentale il 16 febbraio 1865 come membro della Compagnia C, 45th USCT Infantry – l’unico reggimento USCT accreditato della Virginia Occidentale. James si unì al reggimento nei giorni successivi alla resa di Lee ad Appomattox e viaggiò con il reggimento fino alla lontana Brownsville, in Texas, dove prestò servizio fino ad essere radunato nel novembre 1865.

Al servizio di James nel 45 ° USCT c’era anche il nipote di Dangerfield, Lafayette Bywater. Figlio della sorella di Dangerfield, Elmira Newby, Lafayette nacque in Virginia e viaggiò con la famiglia Newby a Bridgeport prima della guerra. Come James, Lafayette si arruolò nel febbraio 1865, assegnato alla Compagnia F con la quale prestò servizio fino al novembre 1865.

Altri due fratelli minori di Dangerfield, John e William, si arruolarono entrambi nella Compagnia C, 5th USCT Infantry nel settembre 1863. Entrambi sono stati sicuramente reclutati per il reggimento dal famoso Ohio USCT reclutatore O. S. B. Wall, un residente di Oberlin, Ohio e un socio di molti dei predoni di Brown che avevano combattuto accanto al loro fratello maggiore. John era presente con il reggimento durante tutto il suo servizio, partecipando a combattimenti nelle trincee a Petersburg, negli assalti mortali a New Market Heights e contro il potente Fort Fisher a Wilmington. John sarebbe sopravvissuto colpo, shell e la malattia e radunarsi nel settembre 1865.

William Newby (Trovare una tomba)

William Newby non sarebbe sopravvissuto al suo arruolamento nel 5 ° USCT, diventando il secondo del clan Newby a morire per la causa della libertà. William fu ferito nelle trincee di fronte a Pietroburgo il 03 luglio 1864, colpito al lato sinistro e al braccio. Fu trasferito al lontano DeCamp Hospital sull’isola di Davids, New York, arrivando il 13 luglio. Si sarebbe soffermato lì fino alla morte di avvelenamento del sangue il 26 luglio. È sepolto nel cimitero nazionale di Cypress Hills, Brooklyn.

Dangerfield Newby era un personaggio polarizzante, canonizzato e villainizzato allo stesso modo. A loro credito la lotta della famiglia Newby per la libertà non è morta con lui a Harpers Ferry.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.