Sidney Crosby a lungo termine per la salute a rischio: i neurochirurghi

NHL

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi via Mail

‘non È mai una buona idea giocare anche quando si è sintomatico,’ Dr. Neilank Gai dice

Jamie Strashin – CBC Sports

Pubblicato il: 02 Maggio, 2017
Ultimo Aggiornamento: Maggio 02, 2017

Mostra più
CBC Sports collaboratore di Tim Wharnsby discute le implicazioni di Sidney Crosby lesioni per i Pittsburgh Penguins speranze di playoff. 4:47

La strada per tornare sul ghiaccio per Sidney Crosby dopo aver subito un’altra commozione cerebrale è incerta, secondo due neurochirurghi che si occupano di infortuni sportivi.

Lunedì sera, la superstar dei Pittsburgh Penguins ha subito la quarta commozione cerebrale diagnosticata della sua carriera dopo aver preso un controllo incrociato alla testa dal difensore dei Washington Capitals Matt Niskanen.

  • Crosby ha commozione cerebrale, fuori per il gioco 4
  • Wharnsby: Crosby deve resistere alla tentazione di correre indietro
  • Crosby commozione cerebrale invia freddo attraverso Pinguini
  • Niskanen non verranno sospesi per colpire a Crosby testa

I Pinguini dire che il loro capitano non giocherà nel Gioco 4 della Eastern Conference semifinale di mercoledì sera (CBC, CBCSports.ca, 7:30 pm ET). Quando o se giocherà di nuovo in questa stagione è sconosciuto.

PUBBLICITÀ

Mostra di più
Sidney Crosby è andato giù duro dopo aver preso un controllo incrociato alla testa da Matt Niskanen di Capital nel primo periodo di Game 3. 0:38

Questa è la cosa frustrante delle commozioni cerebrali, dicono i medici. Non esiste una diagnosi universale o una strada prescritta per il recupero. Ogni caso è diverso.

“In alcuni casi le persone guariscono in pochi giorni e i loro sintomi si risolvono”, afferma il neurochirurgo di Toronto Dr. Neilank Jha. “Non significa necessariamente perché ha avuto quattro commozioni cerebrali documentate in precedenza che non sarà in grado di tornare. Dal punto di vista dei fan, dal punto di vista dei Penguins, se vincono è molto probabile che possa tornare per le finali della Eastern Conference.”

Jha dice che nei prossimi giorni sarà importante per Crosby e lo staff medico dei Penguins monitorare i sintomi della commozione cerebrale della stella.

” Sarebbe una buona idea per lui tornare se ha ancora sintomi? Non la penso così, perché si metterebbe ad un alto livello di rischio”, dice Gai. “Ma se risolve i sintomi che sono attualmente in corso ed è il suo desiderio di vincere di nuovo un’altra Stanley Cup, allora questa decisione è lasciata a lui e al suo staff medico.”

Dott. Charles Tator, direttore del progetto del Canadian Sports Concussion Project per il Krembil Neuroscience Centre al Toronto Western Hospital, afferma che il numero di sintomi iniziali di commozione cerebrale che un giocatore ha è legato a quanto tempo può richiedere per recuperare.

PUBBLICITÀ

“Quindi, per esempio, se hai mal di testa, nausea, sensibilità alla luce, affaticamento, eccetera, la probabilità è che tu non possa mai recuperare”, dice Tator. “Ma se ne hai tre o quattro, il recupero è probabilmente molto più breve.”

Tator dice che è imperativo Crosby consente il pieno recupero da eventuali sintomi di commozione cerebrale o potrebbe rischiare danni a lungo termine.

” Questa è una delle frustrazioni di consigliare le persone su cosa fare durante il processo di recupero. Alcune persone recuperare prontamente come entro un giorno o due, e alcune persone si può prendere un anno o due. Ha già sperimentato una ripresa prolungata.

“Non è mai una buona idea giocare quando sei sintomatico”, aggiunge Jha. “Consigliamo sia ai professionisti che ai bambini di sedersi in caso di dubbio.”

Gravità dell’ultima commozione cerebrale sconosciuta

Non è noto quanto sia grave l’ultima commozione cerebrale di Crosby.

È stato visto salutare e chiacchierare con i compagni di squadra intorno allo spogliatoio dei Pinguini martedì.

PUBBLICITÀ

Ma sia Tator che Jha dicono che la storia della commozione cerebrale di Crosby nel contesto del suo attuale recupero non può essere ignorata.

Nel Winter Classic 2011, sempre contro Washington, Crosby ha subito una commozione cerebrale che lo ha tenuto fuori combattimento per quasi due anni. Si è anche seduto fuori le prime settimane dell’attuale stagione NHL, ma è tornato in forma per guidare il campionato in gol con 44.

“La storia della commozione cerebrale è importante”, dice Tator. “Hai maggiori probabilità di recuperare dopo una commozione cerebrale che dopo 10 commozioni cerebrali.”

Gai dice che anche se gli atleti fanno tutto ciò che gli viene detto di fare, potrebbero esserci ancora implicazioni a lungo termine.

“Sei più suscettibile di avere un’altra commozione cerebrale in futuro anche se i sintomi si risolvono”, afferma Gai. “Tuttavia, se hai ancora sintomi e hai un’altra commozione cerebrale prima di riprenderti, è ancora più preoccupante.”

Mostra di più
Kevin Shattenkirk solleva Washington alla vittoria 3-2 su Pittsburgh in Game 3, trail series 2-1. 1:46

CIRCA L’AUTORE

Jamie Strashin
Reporter

Jamie Strashin è un nativo torontoniano la cui ultima tappa è il dipartimento sportivo CBC. Prima, ha trascorso 15 anni coprendo tutto, dal municipio ai tribunali e le ultime notizie come reporter per CBC News. Ha anche lavorato in Brandon, Amico., e Calgary. Seguilo su Twitter @StrashinCBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.