Resistenza minima: come i percorsi del desiderio possono portare a un design migliore

I “percorsi del desiderio” informali possono formarsi con soli quindici attraversamenti di un percorso non asfaltato, creando nuovi sentieri spontanei modellati dai pedoni che votano efficacemente con i loro piedi. Questi percorsi diventano spesso auto-rinforzanti: altri intuiscono i potenziali vantaggi di un percorso di nuova formazione e lo seguono, erodendolo ulteriormente e migliorando la sua visibilità.

Percorso desiderio in Russia per evitare una’ Porta del Diavolo ‘ (чртовы ворота) configurazione polo

Tali percorsi non strutturati possono svilupparsi per tutti i tipi di motivi. Alcuni presentano scorciatoie ovvie o offrono corsi meno ripidi, mentre altri permettono alle persone di evitare uscite allarmate o affrontare superstizioni regionali.

Analoghi non paesaggistici possono essere trovati nelle forme di pavimenti interni ben usurati, gradini di scale in pietra affondate o persino i lati ammaccati delle porte in legno, dove le persone premono naturalmente ogni volta nello stesso posto per aprirle.

A hollow way (chemin creux) a La Meauffe, Manche, Francia di Romain Bréget (CC BY-SA 4.0)

In Europa e in Medio Oriente, antiche vie sommerse conosciute come ‘holloways’ (o: hollow ways) rappresentano un’espressione particolarmente estrema del fenomeno del percorso del desiderio. Molti di questi percorsi semi-sotterranei si sono formati nel corso di centinaia o addirittura migliaia di anni, alla fine appaiono più come un tunnel che un percorso.

A sunken way in Witley, Surrey di SovalValtos

Gli Holloway riflettono generalmente una confluenza di condizioni, tra cui un uso più pesante da parte dei veicoli, materiali di terra più morbidi e un’elevata desiderabilità (ad esempio: un percorso principale tra città o città).

In alcuni casi riflettono anche un maggior grado di intenzionalità, iniziando organicamente poi essere scavati manualmente come canali di irrigazione o per essere utilizzati come trincee durante i periodi di guerra.

La barriera fisica spinge la creazione di un nuovo percorso del desiderio da parte di Notpan

I tentativi di frenare l’uso di percorsi del desiderio più quotidiani attraverso la segnaletica o le barriere fisiche possono avere risultati misti, compresa la creazione di nuove e diverse alternative, ugualmente frustranti per coloro che bloccherebbero la loro crescita.

Desire path made official in Plaistow, London by rapeipstealer

Mentre queste scorciatoie non autorizzate possono essere frustranti per i progettisti del paesaggio, alcuni urbanisti li guardano mentre mappano e spianano nuovi percorsi ufficiali, lasciando che gli utenti aprano la strada.

Winter desire paths presso l’Università di Calgary, Canada

In Finlandia, ad esempio, i funzionari della città documentano dove le persone camminano nei parchi dopo la prima nevicata dell’anno, quindi integrano tali dati nei loro processi di pianificazione del sistema di percorsi iterativi.

Emergente desiderio percorsi trasformato in marciapiedi nel tempo presso la Michigan State University

Un certo numero di istituzioni educative, tra cui Virginia Tech e l’Università di California, Berkeley, hanno riferito aspettato per vedere quali sono i percorsi con gli studenti, i docenti e il personale dovrebbe assumere regolarmente prima di decidere dove stesa percorsi aggiuntivi tra loro campus.

Desire percorsi attraverso lotti liberi a Detroit, via Sweet Juniper

I principi generali per la progettazione del percorso possono anche essere decodificati dai casi di studio specifici. Questi possono, a loro volta, essere applicati a futuri progetti da zero a scale più grandi, dalle reti di trail cross-city alle infrastrutture di trasporto pubblico.

Evidenziati sneckdowns di Philadelphia da Jon Geeting di Questa città vecchia

Una strategia simile è stata proposta per analizzare ‘sneckdowns’ (un portmanteau di ‘nevoso’ e ‘neckdowns’) che si presentano nei modelli di guida post-nevicata sulle strade invernali della città. In questo caso, anche se i risultati servono ancora a quelli a piedi, è l’assenza di traffico (veicolare) e non la presenza di traffico (a piedi) che può mostrare nuove strade

Evidenziando aree di strada innevate lasciate intatte dalle auto rivela luoghi ideali per potenziali interventi di contenimento del traffico, tamponamenti e isole pedonali. Il ragionamento è semplice: se le auto non hanno bisogno dello spazio in inverno, non dovrebbero averne affatto bisogno.

Desire paths come metafora dell’esperienza utente e del design di Natalia Klishina

L’appeal di desire paths ha preso un’ulteriore svolta nell’era digitale poiché i progettisti di interazione uomo-computer e usabilità hanno iniziato ad adottare il linguaggio di questi percorsi intuitivi.

Molti esperti richiedono approcci che “spianino i sentieri”, supportando ciò che gli utenti stanno già facendo. Hashtag e at-segni non sono stati introdotti da Twitter inizialmente; il loro attuale comportamento funzionale invece è cresciuto fuori dagli usi della comunità, ispirato da IRC (Internet Relay Chat) poi alla fine incorporato più ufficialmente come dispositivi organizzativi.

Gli strateghi digitali stanno così seguendo le orme dei loro compatrioti dello spazio fisico. “Questa perfetta espressione dello scopo naturale può estendersi ad altre interazioni nel mondo reale e nel mondo del software”, scrive l’ingegnere dell’usabilità Carl Myhill di desire paths. “Piuttosto che cercare di capire le esigenze degli utenti da un focus group, essere attenti alle linee del desiderio ti mostrerà più direttamente lo scopo effettivo degli utenti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.