Psicologia Anormale

DSM-IV-TR criteri — Disturbo dell’Umore Dovuto a …

  • A. prominente e persistente disturbo dell’umore predomina il quadro clinico è caratterizzato da uno ( o entrambi) dei seguenti:
    • umore depresso o marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, attività
    • elevato, espansivo o irritabile umore
  • B.Ci sono prove dalla storia, esame fisico, o risultati di laboratorio che il disturbo è la diretta conseguenza fisiologica di una condizione medica generale.
  • C. Il disturbo non è meglio rappresentato da un altro disturbo mentale (ad esempio, disturbo di adattamento con umore depresso in risposta allo stress di avere una condizione medica generale)
  • D. Il disturbo non si verifica esclusivamente durante il corso di un delirio.
  • E.I sintomi causano disagio clinicamente significativo o compromissione sociale, professionale o altre importanti aree di funzionamento.
  • Specificare il tipo
    • Con Depresso Caratteristiche: se il predominante umore è depresso, ma il pieno non sono soddisfatti i criteri per un Episodio Depressivo Maggiore
    • Con Depressivo Maggiore Episodi simil -: se tutti i criteri sono soddisfatti (tranne il Criterio D) per un Episodio Depressivo Maggiore
    • Con Maniacale Caratteristiche: se il predominante umore è elevato, euforico o irritabile
    • Con Caratteristiche Miste: se i sintomi di entrambi mania e depressione sono presenti, ma nessuno predomina
    • Codifica Nota: Includere il nome della condizione medica generale dell’Asse I; anche il codice della condizione medica generale dell’Asse III
    • Codifica Nota: Se i sintomi depressivi verificarsi come parte di una preesistente Demenza Vascolare, indicano la presenza di sintomi depressivi codifica appropriata sottotipo.

Caratteristiche associate

Un individuo può avere condizioni diverse. Una persona può avere condizioni neurologiche degenerative come il morbo di Parkinson o di Huntington, oppure possono avere condizioni cerebrovascolari, metaboliche, condizioni autoimmuni, condizioni endocrine, cancro, infezioni virali o di altro tipo.

Diagnosi differenziale:

Una diagnosi separata di disturbo dell’umore a causa di una condizione medica generale non viene somministrata se il disturbo dell’umore si verifica esclusivamente durante il corso di un delirio. Al contrario, una diagnosi di disturbo dell’umore a causa di una condizione medica generale può essere data in aggiunta a una diagnosi di demenza se i sintomi dell’umore sono una conseguenza eziologica diretta del processo patologico che causa la demenza e se i sintomi dell’umore sono una parte prominente della presentazione clinica (ad esempio, disturbo dell’umore dovuto alla malattia di Alzheimer). Un’eccezione a questo si verifica quando i sintomi depressivi si verificano esclusivamente durante il corso della Demenza vascolare.

Se vi sono prove di uso recente o prolungato di sostanze (inclusi farmaci con effetti psicoattivi), ritiro da una sostanza o esposizione a una tossina, deve essere considerato un disturbo dell’umore indotto da sostanze.

Il disturbo dell’umore dovuto a una condizione medica generale deve essere distinto dal disturbo depressivo maggiore, dai disturbi bipolari e dal disturbo di adattamento con umore depresso. In questi disturbi, non possono essere dimostrati meccanismi fisiologici causali specifici e diretti associati a una condizione medica generale.

Differenze di genere e culturali nella presentazione

Le stime di prevalenza per il disturbo dell’umore a causa di una condizione medica generale sono limitate a quelle presentazioni con caratteristiche depressive. Tra il 25% e il 40% degli individui con determinate condizioni neurologiche (tra cui il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla, l’ictus e il morbo di Alzheimer) svilupperà un marcato disturbo depressivo ad un certo punto durante il corso della malattia. Per le condizioni mediche generali senza coinvolgimento diretto del sistema nervoso centrale, i tassi sono molto più variabili, che vanno da oltre il 60% nella sindrome di Cushing a meno dell ‘ 8% nella malattia renale allo stadio terminale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.