Parole Lutto: cosa dire ad un funerale e come agire

Lutto che provoca la morte di una persona vicina può generare un disagio che si traduce in persona adulta più sensibile, maturo o equilibrato non trovare le parole per lutto che sono appropriati e servire colui che sta soffrendo.

Partecipare a un funerale o vedere un amico o un familiare che ha subito un pre-morte può essere incerto perché non sanno come agire o cosa dire per aiutare quella persona. Gli psicologi che sono esperti nell’aiutare le persone colpite dal dolore spesso ricevono la stessa domanda in mille modi diversi: cosa dire a un familiare o un amico che ha perso una persona cara? Come possiamo agire per aiutarti?

Cosa NON dire a una persona vicina quando qualcuno muore?

Per sostenere qualcuno nel processo di lutto, ciò che viene detto è importante quanto ciò che non lo è. A volte, la vicinanza di una persona che è in lutto unita all’angoscia di non trovare le parole giuste può portarci a ricorrere ai cliché. Frasi che, sebbene siano una delle risorse più utilizzate per queste situazioni, non contribuiscono a nulla e sono considerate errate dagli esperti.

Alcune delle frasi da evitare quando si esprimono condoglianze sono:

Frasi che si sentono mille volte in obitori o sepolture, ma che l’unica cosa che hanno in comune è quanto poco aiutano una persona ferita dalla morte di qualcuno vicino. Le frasi che cercano un incoraggiamento immediato sono quasi di cattivo gusto, in quanto possono essere interpretate come una banalizzazione del dolore, qualcosa percepito come un semplice passaggio che può essere rapidamente dimenticato.

Il dolore della morte crea una situazione complicata in cui una parola sbagliata, per quanto buona sia la sua intenzione, può rendere più grande una ferita già aperta e indirizzare il lutto verso una strada che non è quella giusta.

Quindi cosa dire quando qualcuno muore?

Data la prova che le frasi più utili sono anche le meno adatte per un momento del genere, il problema principale diventa trovare le parole giuste. Ma, nonostante il fatto che il manuale degli argomenti sia scartato, ci sono ancora buone opzioni, che serviranno a confortare la persona che soffre di dolore e parleranno bene di chi li sceglie per un momento così delicato.

Usa frasi di simpatia che riflettono l’empatia

Mentre il comfort è difficile in circostanze in lutto, l’unica massima da seguire quando si rivolgono a persone che hanno perso una persona cara è l’empatia. Mettiti nei panni dell’altra persona, comprendi la loro situazione e pensa a ciò che vorremmo (o meno) sentire in un momento come questo. Non esiste una ricetta magica, una frase che fa dimenticare tutto, ma mostrare chi sta attraversando una fase dolorosa della loro vita che mostriamo comprensione, vicinanza e comprensione del loro dolore servirà più aiuto di qualsiasi frase in scatola.

Alcune delle frasi da dire ai parenti di un defunto possono essere:

  • “Non riesco a trovare le parole per esprimere ciò che sento.”
  • “Non riesco a immaginare quanto possa essere difficile questo momento.”
  • ” Ho pensato a te per tutto questo tempo.”..

e altri con messaggi simili, mostrano una grande empatia, una vicinanza che non mette sulla persona colpita una maggiore pressione e un rispetto per il dolore secondo le circostanze. Tenete a mente che dipenderà da quanto vicino quella persona è a voi e, soprattutto, evitare che essi sono artificiali, personalizzarli secondo il vostro modo di parlare e il rapporto che si unisce a lei.

Usa frasi brevi, semplici e sincere come messaggio di condoglianze

A volte meno è di più e un semplice: “Mi dispiace”, “Ti accompagno nel sentimento” o “Rimpiango la tua perdita” detto dal cuore e con un gesto sincero, può essere più efficace che cercare parole di conforto che non arrivano e che possono farci sbagliare, anche se il nostro desiderio è buono.

Esprimi il tuo sostegno al dolore con un gesto

Se ogni parola conta, ogni gesto è altrettanto importante di quello che diciamo. Il linguaggio non verbale è un modo altrettanto valido per esprimere i nostri rispetti e a volte non è necessario dire nulla. Dal silenzio complice e rispettoso a una mano sulla spalla o, direttamente, un abbraccio genuino, stretto e significativo, possono essere il modo migliore per esprimere tutto ciò che vogliamo e ciò di cui la situazione ha bisogno senza dover ricorrere alle parole.

Ascolta e lascia che parlino della persona deceduta

Più che parlare, quando si danno le condoglianze a una persona, specialmente se ci sono vicini, il meglio che possiamo fare è offrire la nostra azienda e permettere loro di sfogare il loro familiare defunto, come erano, come vivevano… Può essere un modo per fornire loro un modo per esprimere e scaricare le loro emozioni.

Evita di dare consigli su come dovresti sentirti

Ogni dolore è unico e non dovresti giudicare il modo in cui agisci o senti la persona che ha avuto un pre-morte. Quando qualcuno muore, attraversiamo diverse fasi del dolore e ogni persona lo vive in modo diverso, sia che tu consideri che la persona sia eccessivamente in lutto o se pensi che sia troppo sereno, non entrare in valutazioni.

Sii vicino come conforto di fronte alla perdita

Il modo più sincero e preciso per mostrare rispetto per il dolore di una persona è la vicinanza. Sempre nel rispetto di uno spazio personale in cui bilanciare le emozioni internamente, ma con una vicinanza che implica che l’accompagnamento non è una mera presenza fisica, ma una vera solidarietà emotiva. Il contatto fisico è importante. Il calore personale può aiutare molto in questo momento.

Offre un aiuto concreto alle persone in lutto

L’inconveniente di ricorrere ai cliché si estende anche alle offerte di aiuto. Messaggi come “sai dove sono”,” qualunque cosa tu abbia bisogno ” e simili, nonostante le loro buone intenzioni, sono formulati in uno stato quasi gassoso a cui il lutto difficilmente può resistere.

Offrire una cena, una passeggiata per chiarire o un fine settimana insieme include già le frasi di cui sopra e, inoltre, dà origine a essere soddisfatte a breve termine. L’accompagnamento è un sentimento che dovrebbe essere espresso più con le azioni che con le parole.

E, di tutte le cose importanti che emergono in queste situazioni dolorose, una si distingue dal resto: addio. Quando una persona cara muore, le varie cerimonie e gli atti in suo onore non possono essere eseguiti alla leggera. Questi sono gli ultimi momenti in cui questa connessione personale può ancora sentirsi vicina, motivo per cui l’addio non dovrebbe essere affatto affrettato.

Rispetto, spazio personale e tempo. Ogni persona imposta il proprio ritmo per sentire di aver sparato come merita chi non lo è più. Gli atti possono essere inferiori, quindi il modo in cui ognuno gestisce il proprio dolore e si prende il tempo di dire addio deve essere rispettato. Il modo migliore per accompagnare il dolore è il rispetto, la vicinanza e la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.