La FIFA multa il Kosovo e la Croazia per i cori razzisti dei tifosi

La polizia albanese controlla gli appassionati di calcio del Kosovo e della Croazia a Scutari. Foto: LSA / Gent Shkullaku

La FIFA ha multato giovedì le federazioni di calcio croate e kosovare per un totale di franchi svizzeri 80,000 per cori anti-serbi da parte dei fan di entrambi i paesi in una partita di qualificazione alla Coppa del Mondo a Scutari, in Albania, in ottobre. Il Kosovo è stato multato di 30.000 franchi.

Il capo della Federazione calcistica del Kosovo, Fadil Vokrri, ha dichiarato di non contestare la decisione della FIFA, esortando i fan della squadra a guardare le loro parole.

” Se vogliamo davvero competere a tali livelli, i fan dovrebbero essere più attenti. Trovo questa decisione molto logica”, ha detto Vokrri a BIRN.

Alla sua seconda partita di qualificazione per la Coppa del Mondo 2018, dopo che il Kosovo è stato accettato in UEFA e FIFA all’inizio di quest’anno, i filmati dei media della partita hanno mostrato i tifosi del Kosovo e della Croazia all’esterno e all’interno dello stadio Loro Borici cantando “Uccidi i serbi”.

Con il calcio kosovaro ancora di fronte a una lotta in salita in termini di giocatori e infrastrutture, Vokrri ha detto che il cattivo comportamento dei tifosi rischiava di fare gravi danni alla federazione.

“Faccio appello ai fan di essere molto attenti su questi temi, come con questa somma di denaro che potremmo investire su cose che devono essere fatte” Vokrri ha detto.

In vista della partita contro la Croazia del 6 ottobre, le autorità albanesi hanno riferito che circa 16.000 persone hanno attraversato il confine dal Kosovo per sostenere la loro squadra nello stadio di Scutari.

Gli appassionati di calcio balcanici hanno una lunga storia di utilizzo di partite per aria dispute politiche ed etniche tra i loro paesi.

La prima partita tra Albania e Serbia in decenni, giocata nell’ottobre 2014, è stata abbandonata al 41 ° minuto dopo uno scontro tra le squadre, il risultato di un drone che trasportava una bandiera “Greater Albania” essere volato sopra il campo.

I tifosi serbi hanno fischiato l’inno nazionale albanese e scandito slogan razzisti, come “Uccidi gli albanesi”.

La partita divenne in seguito oggetto di una sentenza UEFA di controllo, etica e disciplinare.

Prima della partita con la Croazia, il Kosovo ha giocato la sua prima partita internazionale competitiva a settembre contro la Finlandia per una qualificazione alla Coppa del Mondo.

Il Kosovo ha finalmente aderito alla FIFA a maggio nonostante la forte opposizione della Serbia, che si oppone a qualsiasi approvazione internazionale dell’indipendenza della sua ex provincia.

Il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008 ed è stato riconosciuto da più di 100 paesi, ma non da Serbia, Russia, Cina e cinque stati membri dell’UE: Spagna, Slovacchia, Grecia, Romania e Cipro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.