Definizione MX

Se qualcuno svolge un’attività con riluttanza, mancanza di interesse e apatia, si può dire che il suo comportamento esprime pigrizia. Questo concetto è equivalente ad altri, come pigrizia, disinteresse, abulia o inappetenza.

L’opposto della pigrizia sarebbe qualsiasi comportamento caratterizzato da impeto, laboriosità, diligenza o zelo.

Pigrizia e mancanza di motivazione

Quando una persona è sufficientemente motivata per svolgere un compito, il suo impegno personale lo porta ad agire con determinazione ed energia. Al contrario, la mancanza di motivazione di solito porta a comportamenti passivi e scarsa efficacia nel risultato finale.

La relazione tra pigrizia e motivazione è evidente: maggiore è lo stimolo che ci spinge ad agire, minore è l’atteggiamento di pigrizia.

L’assenza di una vocazione professionale e pigrizia

Nella maggior parte delle attività professionali è auspicabile che siano svolte da una vocazione interna. Se qualcuno ha una forte vocazione per una professione, è molto probabile che assumeranno tutti gli inconvenienti associati alla loro attività.

D’altra parte, svolgere un’attività senza alcuna vocazione porta inevitabilmente allo scoraggiamento e all’apatia, cioè alla pigrizia.

Pigrizia negli adolescenti e nel caso dei neet

Alcuni adolescenti esprimono scarso interesse per gli studi e adottano un atteggiamento pigro quando affrontano i loro progetti personali. In questo senso, la loro pigrizia può essere correlata ad un atteggiamento vitale, ad una mancanza di fiducia in se stessi o ad uno stato di demotivazione generale. In ogni caso, l’adolescente immerso nella pigrizia e nel pasotismo si danneggia.

I ben noti neet (giovani che non studiano né lavorano) sono l’archetipo della pigrizia. Il lavoro non li motiva perché i loro bisogni di base sono soddisfatti e l’opportunità di studiare non è molto stimolante perché credono che le loro opzioni per trovare un impiego siano scarse. Il nini vive “il qui e ora” e non prende una posizione proattiva per quanto riguarda il suo futuro. La loro apatia e mancanza di illusione sono i tratti distintivi di questi giovani.

Il peccato della pigrizia

La pigrizia è una forma di pigrizia manifestante. Dal punto di vista della chiesa cattolica, la pigrizia è considerata un peccato capitale. In questo senso, la pigrizia non dovrebbe essere intesa semplicemente come mancanza di desiderio di qualcosa, ma implica la rinuncia alla propria vitalità individuale e questo fatto è un’offesa a Dio per i cattolici.

Immagine: Fotolia. legno di vimini

Definizione successiva>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.