DEFINE PCI study finds treatable cause for significant rates of residual ischemia in coronary stent patients

iFR is well established for determining whether a vessel is indicated for treatment through the landmark DEFINE FLAIR and iFR Swedeheart outcome studies, both published in the New England Journal of Medicine . I risultati del paziente di un anno erano coerenti con la riserva di flusso frazionario (FFR), mentre l’iFR richiedeva meno tempo procedurale, riduzione del disagio del paziente e riduzione dei costi . La co-registrazione Philips SyncVision iFR migliora ulteriormente la fisiologia mappando il profilo di pressione dell’intera nave sull’angiogramma, fornendo indicazioni fisiologiche su dove trattare all’interno della nave. Con la co-registrazione iFR, i medici possono identificare le posizioni precise che causano ischemia, pianificare la lunghezza dello stent e il posizionamento con uno stent virtuale e prevedere il miglioramento fisiologico. Philips SyncVision con la co-registrazione iFR fornisce ai medici un’immagine fisiologica completa che consente loro di vedere chiaramente e trattare in modo ottimale.

“Poiché l’iFR continua ad essere adottato nella pratica clinica, lo studio DEFINE PCI è l’ultima aggiunta alla crescente evidenza che questa tecnologia innovativa contribuisce a ridurre i costi, migliorare i risultati e migliorare l’esperienza del paziente”, ha affermato Christopher Barys, leader aziendale Image Guided Therapy Devices, Philips. “Con SyncVision con la co-registrazione iFR, stiamo fornendo ai medici il quadro completo, consentendo un trattamento più ottimale dei loro pazienti.”

Philips SyncVision con la co-registrazione iFR fa parte del portafoglio unico di sistemi, dispositivi intelligenti, software e servizi di terapia guidata dall’immagine di Philips, che si combinano per fornire agli operatori sanitari soluzioni sofisticate e orientate alle procedure. È attualmente in mostra presso ACC nello stand # 1901. Segui la conversazione # ACC19 su @PhilipsLiveFrom durante l’evento. Maggiori informazioni sulla Co-registrazione iFR sono disponibili qui. DEFINE PCI è l’ultimo di una serie di ricerche sulle tecniche iFR, partendo dallo studio DEFINE FLAIR nel 2017, con risultati economici nel 2018.

Jeremias A et al. Lo studio DEFINE PCI: valutazione fisiologica in cieco dell’ischemia residua dopo intervento coronarico percutaneo angiografico di successo, presentato all’ACC 2019.

Angina ricorrente dopo angioplastica coronarica: meccanismi, opzioni diagnostiche e terapeutiche. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3760523/

Hakeem, A. Role of Postintervention Fractional Flow Reserve to Improve Procedural and Clinical Outcomes. Circ 2019; 139: 694-706.

Davies JE, et al. Uso del rapporto istantaneo senza onde o della riserva di flusso frazionaria in PCI. N Ingl J Med. 2017 Maggio 11;376 (19):1824-1834.

Gotberg M, et al. IFR Swedeheart Investigatori. Rapporto istantaneo senza onde rispetto alla riserva di flusso frazionaria per guidare PCI. N Ingl J Med. 2017 Maggio 11; 376 (19): 1813-1823.

Patel M. ” Costo-efficacia del rapporto istantaneo senza onde (iFR) rispetto alla riserva di flusso frazionario (FFR) per guidare il processo decisionale di rivascolarizzazione coronarica.”Presentazione della sperimentazione clinica tardiva all’ACC il 10 marzo 2018.

Tonino, et al. Riserva di flusso frazionario rispetto all’angiografia per guidare l’intervento coronarico percutaneo. N Ingl J Med. 2009;360(3):213-224.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.