Dadipark In Belgio: cosa è successo qui?

Foto di P. J. L Laurens su Wikimedia Commons

Dadipark è stato uno dei più antichi parchi di divertimento in Belgio. Ma ecco il problema: Dadipark ha già chiuso ed è stato un parco di divertimenti abbandonato fino alla sua demolizione.

Era anche famoso per essere il parco divertimenti più spaventoso del Belgio. Più di esso aveva a che fare con le sue infrastrutture fatiscenti e l’atmosfera del parco abbandonato. Questo paesaggio era punteggiato da strutture arrugginite e giostre che sembrano sul punto di crollare. Anche i graffiti sui muri erano un evento comune. Vegetazioni troppo cresciute che inondano le giostre esposte con vernice scartata aggiunta alla stranezza del Dadipark deserto.

Dov’è Dadipark?

Dadipark si trova appena a sud del confine, nel villaggio di Dadizele, in Belgio.

Storia di Dadipark

Che ci crediate o no, Dadipark non è sempre stato un parco di divertimenti. Inizialmente era un parco giochi che Pastor Gaston Deweer ha aperto nel 1950. Dadizele era popolare per essere un luogo di pellegrinaggio. Quindi, i bambini dei pellegrini spesso trascorrevano il loro tempo al parco giochi quando i pellegrini visitano la vicina Basilica di Nostra Signora di Dadizele.

Dadipark quando era ancora funzionante
Foto di LimoWreck su Wikimedia Commons

“waar kind koning is” (dove i bambini sono re) – questo era lo slogan di Dadipark.

Lo slogan rifletteva la visione di Paster Deweer di ciò che Dadipark sarebbe stato quando in seguito divenne un enorme parco di divertimenti per bambini.

Dadipark è diventato un hotspot per i bambini e ha avuto successo. Conteneva varie attrazioni e giostre. Da grandi scivoli blu e gialli, gare di kart, a caroselli e corse in treno it è il nome. Inoltre, l’iconico ponte sospeso lungo 800 metri è stato uno dei punti salienti del parco.

Mentre Dadipark era popolare allora, è diventato inevitabilmente più fatiscente con il passare degli anni. Ciò ha provocato incidenti relativi alla sicurezza e alla sicurezza.

L’incidente di Dadipark e la sua successiva chiusura

2000: L’incidente

Nel 2000, uno sfortunato incidente ha avuto luogo a Dadipark. Un bambino di 9 anni di Kortrijk ha quasi perso il braccio durante il giro in jet nautico. Anche se non è stato il primo incidente di sicurezza ad accadere, è stato il peggiore e che ha martellato il chiodo finale nella bara.

Dopo l’incidente, più persone hanno iniziato a lamentarsi della sicurezza del parco. Il numero di visitatori è diminuito ulteriormente.

2002: Chiusura

Il Dadipark, un tempo vivace, ha visto per l’ultima volta i suoi visitatori nel 2002 prima di chiudere indefinitamente. Inizialmente, nel 2002, il parco ha chiuso per lavori di ristrutturazione. Era previsto per chiudere per un anno. Questo è stato nel tentativo di mettere su più misure di sicurezza e di sicurezza. Oltre a investire in personale di qualità e organizzazione interna, c’erano anche piani per aggiungere valore al parco per renderlo più piacevole. I nuovi programmi includevano festival musicali, ospiti speciali ed eventi a tempo limitato.

Tuttavia, nonostante tali affermazioni, il parco non ha mai riaperto. Ragioni finanziarie e la forte concorrenza di altri parchi di divertimento hanno costretto Dadipark a chiudere i battenti. Anche il tentativo di mantenere la propria identità si è rivelato una battaglia in salita.

2004-2005: Fallimento nel procurare investitori

Nel 2004, ci sono state aziende che hanno mostrato interesse per l’acquisto del parco a tema. Si parlava di migliorare e rendere Dadipark più contemporaneo. Per fare ciò, c’erano piani per installare attrazioni moderne e pianificare eventi. Tuttavia, i severi regolamenti di sviluppo urbano avevano spento i potenziali investitori.

Nel 2005 è stato istituito il comitato Save the Dadipark. Il loro obiettivo era quello di aiutare nella riqualificazione e riapertura del parco. Tuttavia, poiché il parco a tema è stato registrato come area ricreativa, ha reso difficile attrarre investitori.

2011: Ultimo tentativo di salvare Dadipark

Entro il 2011, il futuro di Dadipark sembrava desolante.

C’erano già annunci e piani per demolire il parco in quel momento. Così, nell’ultimo tentativo di salvare il parco a tema, il gruppo Dadipark Blijft si è formato nel 2011. Tuttavia, gli sforzi del gruppo fallirono. Dadipark sarebbe stato demolito.

2012: Demolizione del Parco divertimenti

Un decennio dopo che il parco ha chiuso i battenti, il parco ha iniziato la sua demolizione. Il parco di divertimenti che era stato in piedi alto a Dadizele prima che cadesse in rovina non era più.

2016: Piani futuri per il Parco

Nel giugno 2016, pochi anni dopo la demolizione del parco divertimenti abbandonato, le autorità hanno pianificato di rendere Dadipark uno spazio ricreativo verde. Oltre al verde, c’erano piani per trasformare il sito in un luogo per i residenti. C’erano anche proposte per sport come il mini-golf. Inoltre, le autorità accettavano anche proposte di progettazione. Le autorità hanno anche sollevato concetti di uno zoo e possibili negozi. Tutto sommato, il piano era quello di trovare un modo per rivitalizzare il posto ancora una volta.

Tuttavia, nonostante tutta la pianificazione, il sito rimane invariato oggi. È possibile che sia ancora in sviluppo.

La perdita di Dadipark

Foto di P. J. L Laurens su Wikimedia Commons

Prima della sua demolizione, molte persone sono andate a visitare Dadipark. Molti fotografi con un gusto per i siti abbandonati hanno visitato Dadipark per le immagini raccapriccianti della giostra abbandonata, altalene e altro ancora. Inoltre, ha attirato più persone da visitare quando la demolizione del parco era inevitabile. La gente voleva visitare il sito prima che scomparisse veramente. Forse era il prestigio di essere stato in un posto che sarebbe andato nell’anno a venire. O forse la curiosità di verificare qual è il problema con il divertimento abbandonato che aveva la gente a parlare.

Naturalmente, c’erano anche persone che erano convinte che il posto fosse infestato. Di conseguenza sono emersi rapporti di avvistamenti spettrali. Così, questo ha anche attirato vari cacciatori di fantasmi nel parco a tema abbandonato.

Inoltre, molti graffitari colgono l’occasione per lasciare il segno sui muri del parco deserto.

Dopo aver demolito Dadipark, non c’era più nulla da vedere per le persone. Tutte le attrazioni sono state abbattute e non sono state lasciate tracce del vecchio Dadipark, ad eccezione degli alberi conservati.

Mentre le autorità continuano a fare piani per il sito, nulla di concreto è iniziato. È probabile che ci vorrà del tempo prima che il piano verde inizi a mettere radici nella zona.

Qualunque sia il risultato, ci vorrà un po ‘ prima che la gente dimentichi Dadipark e che diventi una reliquia del lungo passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.