Che cosa è successo al caso Destinazioni TV?

Nove mesi dopo che l’agenzia Destinos TV ha annunciato la chiusura delle operazioni a causa della mancanza di liquidità, il caso rimane in tribunale.

L’Ufficio del Procuratore aggiunto per frode e criminalità informatica ha riferito che il caso “sta avanzando nella fase di raccolta e analisi delle prove.”C’è un record di circa 340 persone offese che rivendicano i valori predefiniti con i pacchetti turistici che hanno acquistato.

Destinos TV ha iniziato a maggio 2019 un processo per dichiarare bancarotta, ma la procedura è stata respinta dal Tribunale fallimentare di San José.

La crisi della compagnia è stata aggravata quando un gruppo di turisti ha avuto diversi problemi durante un viaggio a Cancun nella Pasqua precedente.

L’uomo d’affari José Cortés ha detto che il modo in cui la notizia è stata diffusa ha causato cancellazioni e perdita di fiducia dei clienti al punto di rimanere senza soldi per continuare a operare.

Noticias Columbia ha cercato di localizzare Cortés, ma non è stato possibile. L’avvocato Juan José Acuña, che lo ha accompagnato durante il processo di annuncio della chiusura, ha accettato di rilasciare dichiarazioni.

Ha spiegato che non ha un contratto firmato con il datore di lavoro ma è autorizzato a fare riferimento al caso. Il consulente legale ritiene che Cortés non abbia commesso crimini.

Acuña ha detto che la società ha esaurito le risorse per riconciliarsi con le persone colpite.

L’avvocato ha sottolineato che Cortés non ha eluso la situazione e che in realtà subisce le conseguenze di vedere la sua immagine screditata davanti all’opinione pubblica.

Attualmente, l’Ufficio del pubblico ministero è in attesa di ricevere un rapporto dall’OIJ, da includere nel file.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.