Che cos’è un’infrastruttura dati?

Un’infrastruttura dati è costituita da risorse di dati, dalle organizzazioni che le gestiscono e le gestiscono e da processi, politiche e guide che descrivono come utilizzare e gestire i dati. Un’infrastruttura di dati può essere vista come un ecosistema di tecnologie, processi e attori/organizzazioni necessari per la raccolta, l’archiviazione, la manutenzione, la distribuzione e il (ri)utilizzo dei dati da parte dei diversi utenti finali del settore agricolo. Come analogia, un’infrastruttura stradale non include solo la rete stradale (hardware e software), ma includerebbe anche le risorse, le persone e le attrezzature che mantengono la strada, i regolamenti di guida, il controllo del traffico, i servizi di emergenza, i conducenti e le loro auto, e persino il rivenditore di auto e il suo garage. In sintesi un’infrastruttura stradale è TUTTO ciò che è necessario per andare da A a B in un’auto sulla strada in sicurezza. Un’infrastruttura dati affidabile è finanziata in modo sostenibile ed è progettata in modo tale che l’uso e il valore dei dati siano massimizzati soddisfacendo le esigenze della società.

Una delle sfide nei dati aperti per l’agricoltura è che i set di dati sono spesso distribuiti tra diversi ministeri e agenzie, inclusi talvolta organismi (semi) privatizzati. Le strutture governative in tutto il mondo variano, ma in generale le informazioni rilevanti per l’agricoltura possono essere trovate in:

  • il ministero dell’agricoltura, compresi gli organismi associati di estensione, ricerca o sovvenzione;
  • altre agenzie governative (che possono essere semi-privatizzate), tra cui un’agenzia meteorologica per i dati meteorologici e climatici, un’agenzia di mappatura che fornisce dati geografici e uffici statistici che effettuano indagini e monitoraggio della popolazione; e
  • ministeri che si occupano di acqua, risorse naturali, infrastrutture, pianificazione territoriale, commercio e finanza.

Riquadro 2: Open Data Standards for Agriculture

Esistono molti standard ben consolidati in uso per la raccolta e la gestione dei dati relativi all’agricoltura. La mappa degli standard VEST / AgroPortal elenca oltre 140 vocabolari specifici per l’agricoltura, schemi di classificazione e standard di metadati. Molti di questi sono stati sviluppati in settori scientifici e specialistici per supportare la condivisione dei dati all’interno di particolari comunità di pratica.


VEST / AgroPortal Vocabulary Openness by Domain Diagram

Nel fornire dati aperti, gli editori dovrebbero massimizzare il numero di potenziali riutilizzatori di un set di dati. Ciò beneficia di standard accessibili e aperti, con documentazione e licenze chiare.

La ricerca del programma d’azione GODAN ha rilevato che molti standard attuali mancano di licenze e documentazione chiare. Ciò sottolinea la necessità di una maggiore collaborazione nel settore per:

  • identificare e concordare gli standard aperti esistenti per i set di dati chiave sopra elencati;
  • lavorare per sviluppare standard aperti, basandosi sulla pratica esistente, laddove vi siano lacune.

Come parte dell’ulteriore sviluppo di questa risorsa, lavorando con GODAN Action, miriamo a contribuire a quella mappatura iniziale.

Lo sviluppo di un’infrastruttura di dati per l’agricoltura non è quindi una questione di un singolo ministero. Il successo dipende dalla collaborazione tra attori e organizzazioni e dall’allineamento degli interessi condivisi. Tuttavia, la necessità di una collaborazione aperta può anche aumentare il potenziale di innovazione in più settori. Ad esempio, i dati meteo aperti saranno utilizzati da tutti, dagli agricoltori all’industria dei trasporti ai singoli cittadini.

Una solida infrastruttura di dati agricoli richiede anche che diversi set di dati possano comunicare tra loro. L’adesione a standard di dati aperti comuni può aiutare. Uno standard di dati è una linea guida o una serie di linee guida che definisce il modo in cui i dati devono essere raccolti o strutturati. Seguendo lo standard, dati simili possono essere facilmente confrontati nel tempo, tra le sedi e all’interno e tra le organizzazioni, oltre a essere facilmente manipolati per produrre visualizzazioni e identificare le tendenze. In altre parole, gli standard aiutano a semplificare il riutilizzo. Per molte delle categorie di dati in questo pacchetto, gli standard open data sono ancora in fase di sviluppo. Per ogni categoria di dati indichiamo iniziative pertinenti che ospitano standard o lavorano per migliorare l’interoperabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.