Casa d’Arte Futurista Depero, Rovereto – Depero Futurist House

    country: Italy – city: Rovereto – address: Via dei Portici, 38
    closed on: Mondays

Also known as Museo Depero, the Casa d’Arte Futurista Depero in Rovereto, Northern Italy, is a museum of art and design founded by and focused on famous Italian Futurist artista Fortunato Depero.

Fortunato Depero
Nato nel 1892 a Fondo, un paese del Trentino che all’epoca faceva ancora parte dell’Austria – Ungheria, Fortunato Depero fu una delle figure più influenti del Futurismo italiano.
Pittore, scultore e designer, insieme a Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Filippo Tommaso Marinetti ed Enrico Prampolini, Depero fu uno dei fondatori del Futurismo, un movimento interdisciplinare fondato a Roma nei primi anni 1910 con l’obiettivo di rivoluzionare e ringiovanire sia l’arte che la società italiana.
Pertanto, nei suoi oltre 50 anni di carriera, Depero impegnati con le più varie forme di espressione creativa, pittura, scultura, teatro d’avanguardia fase di progettazione (anche per Sergej Diaghilev), graphic design, arte decorativa, mobili di design; anche la creazione iconica pubblicità e packaging design, come il famoso ” Campari Soda “cono” bottiglia nei primi anni 1930.
Dopo aver brevemente di trasferirsi a New York nel 1920, Depero alla fine è tornato in Trentino, dove ha vissuto e lavorato nella città di Rovereto fino alla sua morte, nel 1960.

Fortunato Depero copertina di Vanity Fair

Fortunato Depero, studio per una copertina di “Vanity Fair”, 1929 – 1930, collage; immagine per gentile concessione del museo MART di Rovereto

Fortunato Depero 1932

Fortunato Depero, Nitrito in Velocità (Neigh in Velocità), ca. 1932, olio su tela; Museo Civico Fiorentino, Donazione Alberto Della Ragione

 Bottiglia Soda Fortunato Depero Campari 1932

Fortunato Depero, bottiglia Campari Soda, ca. 1932

Il Depero Futurista Casa a Rovereto
Depero ha avuto l’idea di un museo ispirato ai principi del Futurismo – l’innovazione, l’ironia, il non conformismo, anti-storicismo, la passione per la velocità e la tecnologia, e l’intrecciarsi di diverse forme d’arte, nei primi anni 1950. Ospitato in un bel palazzo nel centro storico della città medievale di Rovereto in provincia di Trento; tale museo, i cui spazi e mostre sono stati progettati dall’artista stesso, finalmente aperto al pubblico nel 1959, un anno prima della sua morte.
Concepito come “opera d’arte totale” – con dipinti, sculture, grafica e oggetti d’arte applicata creati da Depero dagli inizi del 1900 agli anni ‘ 50 – il museo è una combinazione unica di arte, design e architettura, nonché uno degli esempi più interessanti di un museo completamente immaginato da un artista.
Dopo essere entrata a far parte della rete museale del MART, la Casa Futurista di Depero è stata restaurata e ristrutturata su progetto dell’architetto Renato Rizzi nel 2009.

La Casa d’arte Futurista presenta una collezione di oltre 3.000 pezzi di Depero, esposti a rotazione, che comprende dipinti, disegni, mobili, pannelli in legno intarsiato, arazzi, manifesti pubblicitari, libri d’arte e giocattoli.

Sono particolarmente interessanti le sale espositive permanenti Eco della stampa e Rovereto; la prima sala conserva ancora l’allestimento originale costituito da una serie di casse lignee che contengono libri, cataloghi e incisioni di Depero, mentre la seconda è stata interamente progettata da lui.
Due ampie e luminose sale, numerate 5 e 6, ospitano alcune delle più famose e giocose creazioni dell’artista italiano, come una serie di grandi pannelli in feltro intarsiati appesi alle pareti, e due bellissimi giocattoli in legno creati da Depero “per addestrare i bambini all’immaginazione” due dei quali, raffiguranti un gallo e un gatto, “si affacciano” sui visitatori sopra un portale ad arco.

Il programma del museo prevede mostre temporanee – principalmente incentrate sul design e sulle arti applicate, visite guidate ed eventi speciali.

Immagini

Museo-Casa-Futurista-Fortunato-Depero-Rovereto-Inexhibit-2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.