Accusa di falsa testimonianza caduta contro l’imputato di omicidio Jeffrey Peterson' moglie

Syracuse, NY – Una donna siracusana accusata di mentire per conto di suo marito in un caso di omicidio ha fatto cadere oggi l’accusa di falsa testimonianza per mancanza di prove.

Il giudice della contea di Onondaga Joseph Fahey ha respinto il conteggio di spergiuro di primo grado contro Oasis Sykes-Peterson al suo calendario mattutino.

Fahey ha detto che stava prendendo la decisione sulla base di un cambiamento nella testimonianza del medico legale nel caso di omicidio del marito di Sykes-Peterson.

Jeffrey Peterson, 40, di 2501 E. Genesee St., è stato assolto la scorsa settimana da omicidio di secondo grado e possesso criminale di secondo grado di un’arma nel giugno 26 sparatoria fatale di Shaheen Bean. Vedere la copertura precedente delle riprese e di prova.

Le autorità hanno detto che Bean, 33 anni, è uscito dal buio armato di una pistola carica mentre Peterson e sua moglie stavano arrivando a casa verso le 4:40 di quel giorno.

Bean è stato colpito una volta alla gamba durante una lotta per la pistola, hanno detto i funzionari. Ma l ” accusa ha sostenuto Peterson poi eseguito Bean sparandogli nella parte posteriore della testa come Bean giaceva a faccia in giù a terra dopo essere stato incapace dalla ferita alla gamba.

Una giuria di nove uomini e tre donne deliberato circa due ore Febbraio. 8 prima di trovare Peterson non colpevole. Un giurato che ha parlato con il Post-Standard in seguito ha detto che la giuria semplicemente non credeva che l’accusa avesse dimostrato il suo caso oltre ogni ragionevole dubbio.

Sykes-Peterson, 33, è stato accusato di falsa testimonianza sulla base della sua testimonianza a sostegno del marito davanti a un gran giurì della contea.

L’accusa ha basato l’accusa di spergiuro sul fatto che la versione di Sykes-Peterson di ciò che è accaduto non corrispondeva alla versione della sparatoria fornita dal testimone oculare Debbie Kinsey. L’accusa ha inoltre sostenuto che la versione di Kinsey di ciò che è accaduto è stata corroborata dalla testimonianza del dottor Abraham Philip, il medico legale che ha eseguito un’autopsia su Bean.

In tribunale oggi, Fahey ha detto di non credere che ci fosse sufficiente conferma del conto di Kinsey sulla base di un cambiamento nella testimonianza del medico legale. Il giudice non ha detto in tribunale quale cambiamento si riferiva nella testimonianza di Filippo, ma ha detto che aveva intenzione di emettere una decisione scritta che spiega la sentenza.

Nella decisione scritta di due pagine rilasciata dal giudice poco dopo, Fahey ha scritto che l’ufficio del procuratore distrettuale aveva informato la difesa prima del processo per omicidio che il medico legale non stava più concludendo il colpo di pistola alla gamba preceduto il colpo di pistola alla testa.

Al processo, nessuna delle due parti ha chiesto a Philip quale ferita è stata subita per prima. Ma il dottore ha testimoniato che la ferita alla gamba non fatale avrebbe fatto cadere Bean a terra e la ferita alla testa lo avrebbe ucciso quasi istantaneamente.

Fahey oggi ha scritto che data la testimonianza del medico, la corte “non può più concludere che i diversi ricordi o le osservazioni di due testimoni dello stesso evento rendono necessariamente uno spergiuro, e di conseguenza, la prova dello spergiuro dell’imputato è legalmente insufficiente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.